Roger e io • Il tempo e il luogo

ITALIANO Il testo narrativo | Il tempo e il luogo ROGER E IO Spesso, in estate, facevamo colazione in giardino. Mangia più piano, caro diceva la mamma non c è fretta. Io cercavo di mangiare lentamente, ma intanto pensavo: Non c è fretta? Con tutto il mondo che attende di essere esplorato? Certo che c è fretta! . Finalmente mi incamminavo verso Roger che mi fissava. Allora, per scherzo, gli dicevo che quel giorno non valeva la pena di uscire. Lui agitava la coda per protestare. Roger, con le orecchie dritte, posava una zampa sul cancello e mi guardava, alzando un angolo della bocca e mostrando i denti. Questa era la sua arma segreta, perché sapeva che non riuscivo a resistere a quel suo dolce sorriso... Allora aprivo il cancello e lui cominciava a correre nel prato abbaiando di gioia. G. Durrel, La mia famiglia e gli altri animali, Adelphi 1 Rileggi la prima riga del racconto e indica con una X la risposta corretta. Quando si svolge la storia? In quale parte della giornata si svolge? Mattino. Pomeriggio. Dove si svolge la storia? In un giardino. In una casa. Sera. Su una spiaggia. 2 Che animale è Roger? 44 Sottolinea nel testo tutte le parole che te lo fanno capire.

Uno Come Noi - Il mio libro facile 3
Uno Come Noi - Il mio libro facile 3