Leggimi ancora - Scrittura 4

IL RIASSUNTO Il testo narrativo 5 Leggi il testo. Cancella le informazioni secondarie. Scrivi il riassunto. Trasforma i dialoghi in discorsi indiretti. Da discorso diretto a indiretto possono cambiare: modi e tempi verbali; aggettivi e pronomi possessivi, avverbi di tempo e di luogo; verbi di movimento Vincenzo, Viola, Mirko A Vincenzo piaceva tantissimo Viola. Gli piaceva da morire. Quando Viola camminava per il corridoio della scuola, gli sembrava che lasciasse dietro di sé una scia di luce, e per questo lui si sentiva trascinato e quasi obbligato a seguire quel sentiero luminoso. Mirko rideva. Che fai? diceva. Corri sempre dietro a quella là! Ma Mirko non sapeva del sentiero luminoso. Il fatto è però che Viola piaceva anche a Mirko, e l altro fatto è che Mirko era il migliore amico di Vincenzo. E perciò Vincenzo non sapeva proprio cosa fare. Quando i due amici si vedevano, la mattina a scuola o il pomeriggio per fare i compiti o giocare, e c era anche Viola, ognuno passava il tempo a spiare l altro. Volevano essere sicuri che nessuno dei due avesse la meglio nell attirare l attenzione di Viola. Una volta Vincenzo ci aveva provato. Si era avvicinato a Viola e le aveva chiesto: Ti hanno chiamato Viola, perché hai gli occhi viola? e la sua amica si era quasi confusa. Io non ho gli occhi viola! aveva mormorato. I miei occhi sono di un azzurro normalissimo. Ma Vincenzo aveva insistito: Un azzurro così forte è come se fosse viola e lei era arrossita perché aveva capito che quello voleva essere un grande complimento. Ecco la ragione per cui vai così male in disegno! aveva gridato Mirko con un po di rabbia. Non sai nemmeno riconoscere i colori! Lia Levi, La banda della III C, Il Battello a Vapore 82

Leggimi ancora - Scrittura 4
Leggimi ancora - Scrittura 4
Sfoglialibro