Noi e il cibo - Biblioteca Insegnante

sensorialità, sostenibilità, territorialità, memoria, identità, globalizzazione, etica, senza ovviamente dimenticare sicurezza e salute. Lo stesso vale per il grande progetto cui stiamo lavorando: non un semplice corso di educazione alimentare, bensì un più ampio programma modulare basato su una visione sistemica dell argomento e dunque declinato in maniera multi e interdisciplinare. Prevede materiali per i docenti, gli alunni e le famiglie e un sito web dedicato. Materiali cartacei e digitali studiati per l utilizzo in classe ma anche per uscire dalle mura scolastiche, arrivare nelle case dei ragazzi ed essere appunto condivisi in famiglia. Solo se scuole e famiglie parlano lo stesso linguaggio e condividono i medesimi obiettivi, un programma educativo può infatti risultare davvero efficace, a maggior ragione nel caso di un progetto fortemente legato alla dimensione esperienziale, a un saper fare che prima ancora sarà provare a fare. Se alla scuola vorremmo affidare il compito di guidare i percorsi e gli interventi formativi inerenti l alimentazione e il cibo, alle famiglie chiediamo invece che si prendano a cuore anche questo tassello dell educazione dei loro figli, in maniera lieve, proponendosi proprio come il luogo dove si può provare a fare la merenda sana, l intervista sul cibo del passato, l invito a pranzo di un compagno straniero, la spesa al mercato dei contadini, il diario alimentare, la semina di qualche piantina sul balcone. In modo responsabile, ma soprattutto insieme. 3

Noi e il cibo - Biblioteca Insegnante
Noi e il cibo - Biblioteca Insegnante
Sfoglialibro