Il testo narrativo

Il racconto del brivido

Che cos’è

Il racconto del brivido è un testo narrativo che ha lo scopo di suscitare nel lettore uno stato di paura e di tensione, fino allo spavento e all’orrore per quanto viene narrato.

I personaggi

I personaggi che animano i racconti di paura sono esseri misteriosi, inquietanti, sconosciuti o creature mostruose, orribili e spaventose: fantasmi, vampiri assetati di sangue, apparizioni spettrali, streghe, zombie...

I luoghi

Solitamente il racconto del brivido è ambientato in luoghi desolati, lugubri (cimiteri, vecchi edifici in rovina, castelli, case disabitate). Prevalgono spazi circoscritti, claustrofobici, avvolti nell’oscurità o illuminati da luci spettrali ed ambienti esterni tenebrosi e inquietanti (boschi, lande deserte, paludi o acque stagnanti). Spesso le condizioni atmosferiche accentuano il senso di paura: notti buie e tempestose, nebbie avvolgenti, raffiche di vento...

I fatti

I racconti del brivido narrano di eventi inspiegabili e misteriosi a cui spesso non si riesce a dare una spiegazione razionale. Possono anche essere racconti di sogni paurosi o incubi, che agitano il sonno del protagonista.

Tecniche per far rabbrividire

  Dare alla narrazione un ritmo incalzante;

  creare suspense* e ricorrere a colpi di scena;

  far sentire rumori sinistri: cigolii, fruscii, sussurri, ticchettii;

  inserire risate isteriche, grida soffocate, ululati, grugniti;

  descrivere sensazioni di tremore, brividi lungo la schiena, sudore freddo;

  utilizzare i puntini di sospensione...

*Suspense = atmosfera carica di tensione e senso di minaccia per qualcosa di terribile che potrebbe capitare da un momento all’altro.

In sintesi

Il racconto del brivido
  •  Il racconto del brivido suscita in chi legge un senso di paura e terrore.
  •  I personaggi possono essere realistici e fantastici.
  •  Il tempo non è ben definito. Spesso i fatti avvengono di notte o durante una tempesta.
  •  I luoghi in cui è ambientata la vicenda sono misteriosi e inquietanti, desolati e oscuri.
  •  I fatti possono essere eventi inspiegabili e spaventosi.
  •  Il linguaggio utilizza molti aggettivi e descrizioni.
  •  Le tecniche per creare “la paura” sono la narrazione in prima persona e con il ritmo incalzante, le descrizioni e la tecnica della suspense o aspettativa.
Vai alle attività…

Laboratorio di scrittura da pag. 50 a pag. 51

Leggermente - Lingua e linguaggi 4
Leggermente - Lingua e linguaggi 4
Libro accessibile