Il testo descrittivo   Descrizione di animali

Animali di fantasia

Meccanimali

Quando la fabbrica vicino al vecchio zoo esplose, si scatenò una strana evoluzione di alcune specie animali.

Il Cucurol (Cuculus Rolecs) è un meccanuccello dal becco corto e di corporatura tozza; dopo l’esplosione si è diffuso sulle Alpi, dove nidifica in piccole casette di legno. Secondo gli esperti, il Cucurol sarebbe dotato di un organo nervoso detto “orologio interno”, che ne spiegherebbe l’abitudine di uscire ogni ora dal suo nido per brevi cantatine.

La Forbicivetta (Bubo Affilato) si è diffusa su tutte le vette intorno allo Zoo, nelle zone boschive collinari e montuose, ma anche nei pressi dei grandi saloni di parrucchiere. Maestosa, austera, dotata di vista eccellente, questa creatura notturna è una formidabile macchina da caccia, capace di piombare con planate veloci, radenti e silenziose sulle sue prede: adora colpire la criniera o la pelliccia di altri meccanimali, lasciandoli… acconciati proprio male.

A. Marzaduri, Meccanimali, Fatatrac - Illustrazioni di Karen La Fata

Esplora il testo

 Gli animali descritti:

  esistono nella realtà.

  sono frutto della fantasia dell’autore.


 L’autore:

  esprime le proprie opinioni ed emozioni.

  utilizza un linguaggio tecnico e preciso.


 Si tratta quindi di una descrizione:

  oggettiva.

  soggettiva.


 Inserisci nella tabella le caratteristiche dei due animali fantastici.

Cucurol Forbicivetta
Diffusione

 

 

 

 

Aspetto fisico

 

 

 

 

Abitudini e
comportamento

 

 

 

 

Leggermente - Lingua e linguaggi 4
Leggermente - Lingua e linguaggi 4
Libro accessibile