Ortografia

Discorso diretto e indiretto

 Leggi il dialogo nelle forme del discorso diretto ed indiretto.

– Posso mangiare un gelato?

– Sì, però prima lavati le mani.

Come hai notato, nel passaggio dalla forma diretta alla forma indiretta il significato del discorso rimane uguale, ma avvengono diversi cambiamenti nella sua struttura.


Ricorda !

Nel discorso diretto le parole pronunciate dai protagonisti vengono riferite esattamente come sono state dette, precedute dalla lineetta (-) oppure racchiuse dalle virgolette (““).

Nel discorso indiretto, invece, si spiega ciò che è stato detto senza riportare le parole precise, cambiando la struttura del discorso.

 Osserva i cambiamenti che avvengono nel passaggio da DISCORSO DIRETTO a DISCORSO INDIRETTO.

 Scompaiono i due punti e la lineetta (o le virgolette) e la nuova frase è unita alla precedente dalle parole di, che, se.

La maestra disse: - Carlo, fai silenzio!  La maestra disse a Carlo di fare silenzio.

 È necessario aggiungere verbi come pensare, dire, rispondere, chiedere se non sono espressi.

- Ma maestra, io non stavo dicendo nulla! Carlo rispose che lui non stava dicendo nulla.

 Cambiano gli aggettivi e i pronomi personali possessivi e dimostrativi.

Carlo disse: - Quello zaino è mio. Carlo disse che quello zaino era suo.

 Cambiano gli avverbi di tempo e di luogo.

Carlo disse: - Oggi ho preso un bel voto! Carlo disse che quel giorno aveva preso un bel voto.

 Possono cambiare i modi e i tempi dei verbi.

Carlo disse: - Vado a casa. Carlo disse che sarebbe andato a casa.

Carlo chiese: - Chi ha preso la mia biro? Carlo chiese chi avesse preso la sua biro.

Leggermente - Riflessione linguistica 4
Leggermente - Riflessione linguistica 4
Libro accessibile