Perché scrivi?

Leggi le risposte di alcuni scrittori famosi a cui è stata posta questa domanda.

Scrivo perché è sempre meglio che scaricare casse al mercato centrale.

Scrivo perché non so fare altro.

Scrivo perché dopo posso dedicare i libri ai miei nipoti.

Scrivo perché così mi ricordo di tutte le persone che ho amato.

Scrivo perché mi piace raccontarmi storie.

Scrivo perché mi piace raccontare storie.

Scrivo per restituire qualcosa di tutto quello che ho letto.

Andrea Camilleri

Scrivo per quei lettori che possono attuare miracoli. E solo i bambini fanno miracoli quando leggono.

Astrid Lindgren, autrice di Pippicalzelunghe.

Scrivo perché imparai a leggere da bambino e la lettura mi fece vivere esperienze tanto entusiasmanti, trasformò la mia vita in una maniera così meravigliosa che credo che la mia vocazione letteraria sia nata proprio da quella enorme felicità che mi dava la lettura.

Mario Vargas Llosa

Scrivo ininterrottamente da quando avevo sei anni, per puro piacere. Non so dire da dove sia nato questo desiderio. L'ho sempre avuto.

J.K. Rowling

Scrivo per dare forma alle creazioni della mia immaginazione, che altrimenti morirebbero nel silenzio e nel buio.

Patrick McGrath

Scrivo per viaggiare nelle vite degli altri.

Adam Haslett

Adatt. da A. Monda, “Ecco perché scrivo”. Gli autori raccontano, la Repubblica, 4 gennaio 2011

Leggermente - Laboratorio di scrittura 4-5
Leggermente - Laboratorio di scrittura 4-5
Libro accessibile